È a Palermo.

image

“Ma vuoi che li chiamo io?
Ok dai chiamali tu.
Ma diglielo eh!
Allora: io lui l’ho chiamato.
Però è a Palermo a fare dei lavori.
Comunque ha detto che possiamo andare.
Basta andare prima dell’orario di chiusura.
Si.
È a Palermo.
Aspetta! Aspetta!
[Si rotola sul pavimento per raccogliere due euro usciti dalle tasche davanti alla porta del treno]
Si. Eccomi.
Aspettaaaa!!
[Altri due euro sono finiti sotto il sedile]
No guarda ho le tasche buhate (è toscano, n.d.r.] e mi cadono i soldi.
Si. Eccomi.
Ha detto che deve fare dei lavori.
A Palermo.
Ehehehehehe
Magari è il padrino.
No. Non lo so che lavori deve fare.
Solo che è a Palermo.
Ma non fa niente: noi possiamo andare in ufficio senza di lui.
Comunque io adesso arrivo.
Tu sai se a Lambrate partono i treni per Novate?
No perché io di solito li prendo a Garibaldi però così scendevo prima.
Non lo sai.
Vabbè vado sul sicuro. Scendo a Garibaldi.
Comunque adesso arrivo.
Magari chiamo gli altri.
Li chiami tu?
Diglielo che è Palermo ma che possiamo finire lo stesso.
Ah.
Allora li chiamo io e glielo dico.”

7 pensieri su “È a Palermo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...